Il tempo non guarisce le ferite, dice una mia amica, ma evidenzia le assenze. Io aggiungo: il nascere e morire continuo è faticoso e spesso il dolore poco sopportabile.

Tratto da  Le donne che corrono coi lupi, C.P. Estès

” Energia , sentimento, intimità, solitudine desiderio, noia, tutto sorge e tramonta in cicli relativamente ravvicinati.

Il desiderio della vicinanza e delle separazioni cresce e cala. La natura…..ci insegna a danzare, ..anche la soluzione del mai-essere e sempre nel contrario, e quindi un’azione nuova è la cura per la noia, la vicinanza è la cura per la solitudine, la solitudine è la cura per la sensazione di essere bloccati.”

Tutta la vita è una danza tra vita e morte, gioia e dolore, solitudine e vicinanza…

Ho scoperto l’acqua calda, lo so, ma avevo mal di pancia… 😀

Dedicato ad Eleonora che mi sta molto vicina.

Annunci