C’è da fare di Giorgia (di Gatto Panceri)

 

C’è da fare, c’è da fare C’è sempre qualcosa da fare C’è da fare, c’è da fare C’è sempre qualcosa da fare e da rifare C’è da fare, c’è da fare C’è da far da mangiare per un mondo affamato C’è da fare, c’è da fare C’è sempre qualcosa da fare dentro di noi C’è da fare andare avanti la baracca Aggiustare qualcosa che si spacca E quando poi pioverà Un secchio qua e un altro là Contro l’umidità E’ inutile parlare fare finta di guardare C’è da fare, c’è da fare C’è sempre qualcosa da fare e da rifare C’è da fare, c’è da fare C’è da fare un casino anche contro il destino C’è da fare, c’è da fare C’è da fare il bucato dove abbiamo sporcato C’è da fare, da cambiare C’è sempre qualcosa da fare e tu lo sai La mattina c’è da riordinare il letto E rimetter molti sogni nel cassetto Che siamo sempre a metà Perché qualcosa non va Ci vuole più volontà Arrangiarsi, ingegnarsi Lavorare e poi stancarsi Per liberarsi C’è da fare sai Qualcosa di importante Uh… c’è da fare Qualcosa di più grande
Uh… c’è da rifare… Ci sarebbe da cambiare mezzo mondo Dare a tutto un senso molto più profondo Col sole in faccia si sa Che gran fatica sarà Contro l’aridità E’ inutile partire, fare finta di guardare C’è da fare, (c’è da fare) Qualche volta sbagliare, dover ricominciare C’è da fare, (c’è da fare) C’è da fare da mangiare per un mondo affamato C’è da fare, da rifare C’è sempre qualcosa da fare e tu lo sai C’è da fare (qualcosa di importante) C’è da fare E’ inutile parlare, fare finta Di guardare quando … c’è da fare sai Uh… oh… Uh… oh… oh… Qualcosa di importante Oh – qualcosa di più grande Qualcosa di importante Qualcosa di più grande
Annunci