Tag

,

“…  il destino è spesso ineludibile, se sei onesto con te stesso..perchè se scegli di vedere tutto si complica inesorabilmente.

Opera prima dei palermitani Fabio Grassadonia e Antonio Piazza, grazie alla Good Films arriva in sala.

SALVO

imm

Vincitore del Grand Prix e del Prix Révélation alla 52° Semaine de la Critique

 Poche parole, la penombra, l’incontro fra la cecità fisica e la cecità morale.

gli attori

Saleh Bakri, attore palestinese,

Saleh_Bakri_da_pagina_FB_Salvo_film

Sara Serraiocco, abruzzese, è nuova al cinema, la sua presenza in scena è

sempre intensa.

salvo011_h_fg_big_right

Luigi Lo Cascio e Giuditta Perriera, complici della latitanza di Salvo, guardiani e carcerieri. Un tocco umano caratterizzante socialmente, molto “siciliani”.

salvo-saleh-bakri-in-un-immagine-del-film-con-giuditta-perriera-e-luigi-lo-cascio-275193

La fotografia è di un altro siciliano,  Daniele Ciprì. Immagini forti come i quadri di Caravaggio

salvo-mario-pupella-foto-dal-film-2_mid

la Sicilia  assolata, i paesaggi epici e desertici dell’entroterra siciliano.

Grassadonia e Piazza fanno un grande uso dei rumori: il cane che abbaia, il rombo dei motorini, la catena che viene sfilata via, le porte di metallo che sbattono, il dondolio del mare, il fischio della nave… E poi la canzone Arriverà dei Modà ed Emma, e che ricorre, come punto di contatto tra due anime sole.

I registi hanno scelto di non utilizzare nessuna chiosa sonora esterna, nessuna musica di commento, di sostegno, di rinforzo”.

Queste riflessionisono state liberamente tratto da WEB

Annunci