Testo della canzone Luce di Fiorella Mannoia dall’album Sud
La particolarità di questa canzone è che si apre con un canto struggente dell’artista palestinese Faisal Taher
Non c’è figlio che non sia mio figlio ne ferita di cui non sento il dolore non c’è terra che non sia la mia terra e non c’è vita che non meriti amore
Mi commuovono ancora i sorrisi e le stelle nelle notti d’estate i silenzi della gente che parte e tutte queste strade fa che non sia soltanto mia questa illusione fa che non sia una follia credere ancora nelle persone
Luce luce dei miei occhi dove sei finita lascia che ti guardi dolce Margherita prendi la tua strada e cerca le parole fa che non si perda tutto questo amore tutto questo amore
Non c’è voce che non sia la mia voce né ingiustizia di cui non porto l’offesa non c’è pace che non sia la mia pace e non c’è guerra che non abbia una scusa
Non c’è figlio che non sia mio figlio ne speranza di cui non sento il calore non c’è rotta che non abbia una stella e non c’è amore che non invochi amore Luce luce dei miei occhi vestiti di seta lascia che ti guardi dolce Margherita prendi la tua strada e cerca le parole fa che non si perda tutto questo amore Luce luce dei miei occhi dove sei finita lascia che ti guardi dolce Margherita prendi la tua strada e cerca le parole fa che non si perda tutto questo amore tuto questo amore
Annunci